Safari blocca Google Analytics?

Image of Iron Brands

Pubblicato il 4 giu 2022 e modificato il 3 gen 2024 da Iron Brands

Nel giugno 2020, Apple ha lanciato un nuovo "Rapporto sulla privacy" durante il suo primo evento WWDC digitale. Questo includeva nuove linee guida sulla privacy e un riepilogo dei tracker bloccati da Safari (un prodotto Apple) su iOS, Big Sur e iPadOS.

Le nuove funzionalità hanno creato un po' di confusione tra i presenti. Dalla presentazione sembrava che Safari bloccasse Google Analytics per impostazione predefinita. Tuttavia, la verità è un po' più sfumata.

Quindi, qual è stato il motivo di tanto clamore e quali aggiornamenti sulla privacy sono stati implementati da allora? Parleremo anche dell'impatto che i futuri aggiornamenti sulla privacy avranno sull'usabilità di strumenti come Google Analytics. Qual è la probabilità che Safari blocchi Google Analytics?

Safari blocks Google AnalyticsRapporto sulla privacy di Safari

Immergiamoci!

  1. Safari non blocca Google Analytics per impostazione predefinita
  2. Blocco dei cookie di tracciamento di terze parti
  3. L'impatto degli aggiornamenti sulla privacy
  4. Perché dovreste abbandonare Google Analytics
    1. Eliminazione graduale dei cookie di terze parti
    2. Google Analytics sta abbandonando Universal Analytics
    3. Google Analytics crea un punto cieco
    4. Esistono alternative a Google Analytics
  5. Riflessioni finali
Logo of the Government of the United KingdomThe UK Government chose Simple AnalyticsJoin them

Safari non blocca Google Analytics per impostazione predefinita

Con il "Privacy Report", Apple ha aggiunto molte nuove funzioni per la privacy per aiutare a proteggere gli utenti dal tracciamento su Internet. Nella presentazione, Apple ha mostrato che Google Analytics era il tracker più frequentemente bloccato. Questo ha fatto pensare a tutti che Safari blocchi Google Analytics dal tracciare i visitatori dei siti web per impostazione predefinita. Tuttavia, si tratta di un'ipotesi errata e la verità è un po' più complicata.

Apple privacy reportPresentazione del Rapporto sulla privacy di Apple

Questa è la schermata mostrata durante l'evento. Nell'immagine Google Analytics è contrassegnato come tracker impedito, il che ha generato confusione.

Il primo a reagire è stato l'analista Simo Ahava che ha spiegato cosa stava realmente accadendo:

"Quando la schermata di Safari della #WWDC dice che impedisce "http://google-analytics.com..." significa probabilmente che ITP ha contrassegnato quel dominio come tracker cross-site e ne limita l'accesso allo storage di terze parti. NON significa che effettivamente "blocca GA".

Con l'emergere di ulteriori informazioni, è diventato chiaro che Safari non stava bloccando Google Analytics, ma piuttosto i suoi cookie di terze parti.

  • Icookie di prima parte sono memorizzati dal dominio (sito web) visitato.
  • Icookie di terze parti sono creati da domini diversi da quello visitato direttamente, da cui il nome di terze parti.

Se volete rinfrescarvi le idee sui cookie di prima parte e di terza parte, consultate il nostro "articolo sui cookie".

L'Intelligent Tracking Prevention di Safari 14 blocca il tracking cross-site, limitando solo le porzioni in Google Analytics. I proprietari di siti web non dovrebbero avere problemi a vedere le analisi dei loro siti, poiché si basano su cookie di prima parte. Google Analytics funziona ancora come piattaforma di analisi, ma non può essere utilizzato per il retargeting e altre funzioni che si basano sul tracciamento tra siti web.

Quindi Safari non blocca Google Analytics, ma il "Privacy Report" di Apple ha accelerato una tendenza alla privacy che non si arresterà presto.

Safari blocks Google AnalyticsLa battaglia per la privacy, chi vincerà?

L'impatto degli aggiornamenti sulla privacy

Nell'ultimo anno abbiamo assistito a un giro di vite degli enti governativi sull'uso di Google Analytics. Le leggi sulla privacy come il GDPR, il PECR e il CCPA si rafforzano di giorno in giorno e le organizzazioni sembrano preoccuparsi sempre di più di gestire la propria attività in modo etico.

Inoltre, Apple sta portando avanti le sue operazioni sulla privacy. Di recente ha aggiunto la funzione App Tracking Transparency (ATT) nel suo iOS15, che gira sul 72% degli iPhone moderni.

L'ATT consiste in un pop-up che chiede agli utenti se vogliono essere tracciati quando aprono l'app. Facebook ha annunciato che questa nuova funzione costerà loro 10 miliardi di entrate pubblicitarie solo quest'anno.

Inoltre, Apple ha lanciato uno spot che mostra una ragazza la cui identità digitale e i suoi effetti personali vengono venduti da una casa d'aste. Al momento in cui scriviamo, lo spot ha 16 giorni di vita e conta già 7,7 milioni di visualizzazioni su Youtube.

Ovviamente, il video ha un'impostazione di marketing. Tuttavia, il fatto che la più grande azienda del mondo abbia incentrato il suo marketing sulla privacy dimostra l'importanza e la rilevanza della privacy digitale.

Perché dovreste abbandonare Google Analytics

Come già detto, Safari non blocca Google Analytics. È ancora possibile vedere le analisi del proprio sito web. Tuttavia, la tendenza alla privacy non sta rallentando e Google non si sta muovendo di pari passo.

Se utilizzate Google Analytics per il tracking cross-site, il retargeting e l'ad-serving, dovreste ripensare alle vostre pratiche di marketing. Non solo da un punto di vista etico, ma anche per il fatto che l'anno prossimo anche Google Chrome eliminerà gradualmente i cookie di terze parti. È una buona cosa, ma credetemi, Google non vuole farlo. Il mondo si sta muovendo verso un'era senza cookiein cui la privacy digitale è al centro. C'è una ragione dietro l'aggiornamento delle funzioni di protezione della privacy da parte di Apple: La gente ci tiene alla privacy!

Google Analytics sta abbandonando Universal Analytics

Se siete abituati a Google Analytics, posso immaginare che non vogliate cambiare strumento: l'interfaccia potrebbe non essere user-friendly, ma sapete come muovervi e potete ottenere tutte le informazioni necessarie. Google Analytics è anche gratuito (ma lo è davvero?), mentre le alternative non lo sono e il costo del passaggio a un nuovo strumento potrebbe non valere la pena. Tuttavia, qualche mese fa, Google ha dichiarato di voler abbandonare Universal Analytics a favore di GA4. Questo è stato oggetto di discussione in quanto gli utenti sono scontenti. Questo è probabilmente il momento migliore per ripensare al vostro fornitore di analisi, dato che dovrete comunque iniziare a imparare un nuovo strumento.

Google Analytics crea un punto cieco

Sebbene Google Analytics sia lo strumento di analisi più potente che esista, diventerà sempre più impreciso. Gli utenti di Internet richiedono la privacy, non bussando alla vostra porta e chiedendola, ma utilizzando strumenti che bloccano Google Analytics. Sempre più utenti di Internet utilizzano ad-blocker o plugin che bloccano gli script di Google Analytics.

Inoltre, le leggi sulla privacy hanno stabilito che ogni sito web che utilizza i cookie deve mostrare un banner sui cookie. Quando un numero sempre maggiore di visitatori del sito web non è d'accordo con l'impostazione dei cookie, i dati di Google Analytics non li vedranno più.

Esistono alternative a Google Analytics

Le organizzazioni hanno impiegato così tanto tempo per diventare più rispettose della privacy a causa della mancanza di strumenti che siano altrettanto validi di quelli che non lo sono. Se utilizzate Google Analytics solo per ottenere informazioni sulle statistiche del vostro sito web, potreste voler controllare altri strumenti. Esistono alternative a Google Analytics più semplici da usare, con dashboard più lineari e che non vendono i dati dei visitatori a terzi.

Riflessioni finali

La privacy digitale sta diventando sempre più importante nella nostra vita e le organizzazioni hanno iniziato a riconoscerlo. Apple ha fatto della privacy uno dei suoi pilastri futuri. Le sue caratteristiche di privacy danneggiano le piattaforme pubblicitarie come Google e Facebook e rendono i loro strumenti, come Google Analytics, meno potenti. Riteniamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale.

Inoltre, sempre più persone sono giustamente preoccupate per la loro privacy su Internet e prendono in mano la situazione passando ad applicazioni o browser incentrati sulla privacy.

Anche le autorità per la protezione dei dati stanno mostrando i denti dichiarando illegale l'uso di Google Analytics in Italia, Danimarca, Francia e Austria. È probabile che altri Stati membri dell'UE seguano nei prossimi mesi, poiché si tratta di uno sforzo coordinato a livello europeo.

Oltre a quanto sopra, riteniamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale e per questo abbiamo creato Simple Analytics.

Simple Analytics non è influenzato dagli aggiornamenti sulla privacy, come quello citato da Apple, e questo non fa che rafforzare la nostra tesi. Siamo cookieless per design e non raccogliamo mai dati personali.

Abbiamo sede nell'UE. Siamo completamente conformi al GDPR e i dati che raccogliamo sono vostri. Crediamo nella creazione di un internet indipendente e amichevole per i visitatori del sito. Se tutto questo vi sembra interessante, non esitate a provarci.

GA4 è complesso. Prova Simple Analytics

GA4 è come sedersi in cabina di un aereo senza licenza di pilota

Inizia prova di 14 giorni