Google patteggia in una causa per la modalità Incognito da 5 miliardi di dollari

Image of Iron Brands

Pubblicato il 7 gen 2024 e modificato il 21 feb 2024 da Iron Brands

Nel 2020 è stata intentata una class action contro Google per 5 miliardi di dollari, sostenendo che Google Chrome raccoglieva dati dai suoi utenti senza consenso durante la navigazione in incognito. Il 28 dicembre, Google ha risolto la causa per una somma non rivelata.

Sebbene non si sappia molto del procedimento, i documenti disponibili suggeriscono che il tribunale californiano ha ritenuto che Google abbia presentato la modalità in incognito di Chrome in modo confuso e potenzialmente ingannevole. Questi documenti sono interessanti e vale la pena darci un'occhiata!

  1. Sfruttare l'ambiguità
  2. Pulsanti placebo
  3. Pensieri finali

Sfruttare l'ambiguità

La fonte più completa di informazioni sul caso è la decisione della Corte distrettuale della California settentrionale di respingere la richiesta di giudizio sommario di Google. C'è molto legalese sul danno e sulla violazione del contratto, ma la parte davvero interessante è la valutazione della Corte sull'affermazione che Google non ha fornito informazioni sufficientemente chiare sul funzionamento della modalità Incognito.

Vale la pena sottolineare che la Corte non ha giudicato in ultima istanza le richieste, ma si è limitata a stabilire che non erano prive di fondamento. Tuttavia, vale la pena di analizzarne il ragionamento.

Google ha affermato che la divulgazione dei dati personali era chiara dalla schermata iniziale della modalità Incognito:

image1.png

Sebbene le informazioni fornite da Google siano accurate, la presentazione della modalità Incognito - insieme all'icona dell'"uomo spia" - può ingannare l'utente finale su ciò che la modalità Incognito effettivamente fa, come ha osservato la Corte.

L'informativa sulla privacy di Google menziona anche la navigazione in Incognito come un modo per "gestire la propria privacy" in modalità Incognito, aumentando ulteriormente la confusione. Infine, ma non meno importante, la schermata iniziale omette opportunamente che l'attività online è visibile a Google stesso e cita solo siti web, ISP e proprietari di reti.

Secondo la Corte, Google sapeva che i consumatori avevano frainteso le funzioni della modalità Incognito. In altre parole, l'azienda era consapevole dell'ambiguità e ne ha approfittato.

La strategia di comunicazione ambigua di Google è evidente dalla stessa schermata iniziale. Pur non essendo scorretta, l'informazione è inutilmente dubitativa e dal tono impersonale. "La vostra attività potrebbe essere visibile ai siti web" è un'affermazione corretta ma pesantemente edulcorata. "Google ti traccia mentre navighi in modalità Incognito" sarebbe molto più chiaro.

Questa strategia di comunicazione ambigua rientra nella tendenza generale di prendere affermazioni "tecnicamente vere" e indorarle fino a renderle fuorvianti.

Il mantra di Google che afferma di non vendere le informazioni personali è un'altra delle mezze verità edulcorate di Google.

È tecnicamente corretto: non si può pagare Google per divulgare informazioni personali. Ma l'azienda divulga molte informazioni personali a terzi e svolge un ruolo cruciale nel sistema RTB, ovvero la più grande violazione di dati della storia, tuttora in corso. Inoltre, trae profitto da questo sistema di divulgazione.

Da un punto di vista pratico, è del tutto irrilevante che queste divulgazioni non siano una vendita in senso strettamente legale. Dal punto di vista della privacy, staremmo tutti meglio se Google vendesse le informazioni personali piuttosto che divulgarle a centinaia di terze parti non controllabili con ogni singolo scambio di annunci.

Pulsanti placebo

La maggior parte dei pulsanti di chiusura delle porte negli ascensori non serve a nulla. Sono un placebo che dà una rassicurante sensazione di controllo sulla porta.

La modalità Incognito di Chrome è uno dei tanti pulsanti placebo della privacy digitale, e ce ne sono molti altri. Alcuni di essi mentono apertamente agli utenti, mentre altri, come la modalità Incognito, sfruttano una comunicazione ambigua. In ogni caso, questi pulsanti placebo ingannano gli utenti in un falso senso di sicurezza.

Le impostazioni di localizzazione di Google sono un altro pulsante placebo. L'azienda è solita ingannare gli utenti sul modo in cui vengono elaborati i dati di localizzazione, provocando innumerevoli cause legali. Non passa giorno senza che Google raggiunga un accordo a otto o nove cifre sul tracciamento della posizione in qualche tribunale statunitense. Questo inganno si basa su controlli della privacy complicati e formulati in modo confuso, che danno all'utente un senso di sicurezza ma che non cambiano nulla o quasi nel modo in cui Google elabora i dati di localizzazione.

Gli abbonamenti privi di pubblicità di Meta sono un pulsante placebo, per di più a pagamento!

A prescindere dalle sue affermazioni, Meta continua a profilare gli utenti pagati per indirizzarli meglio ai contenuti, e viene pagata per questo dai creatori di contenuti che cercano di costruire o espandere il proprio pubblico. Non si tratta tecnicamente di pubblicità mirata, perché Meta serve contenuti, non annunci. Ma è abbastanza simile e ugualmente invasiva.

Pensieri finali

Non si tratta solo di Big Tech. Molti siti web in tutto il mondo scrivono i cookie indipendentemente dalla scelta dell'utente, ma mostrano comunque un banner sui cookie per dare l'illusione di una scelta.

È ora che ci accorgiamo del trucco e chiediamo pulsanti per la privacy che funzionino davvero.

Questo è il motivo per cui abbiamo iniziato a costruire prodotti realmente rispettosi della privacy come Simple Analtyics. Crediamo in un Internet indipendente in cui i visitatori siano trattati in modo equo. Se questo concetto vi convince, non esitate a dare un'occhiata a ciò che stiamo costruendo qui.