Google vende i vostri dati?

Image of Carlo Cilento

Pubblicato il 17 apr 2023 e modificato il 15 ago 2023 da Carlo Cilento

Questo articolo è stato tradotto automaticamente. Passa alla versione inglese per l'originale.

Google giura a destra e a manca di non vendere le informazioni personali. Non vendiamo i vostri dati è quasi il loro mantra ormai. Ma è vero? Sì e no. Le parole possono essere usate per chiarire le cose o per offuscarle, e Google sta facendo la seconda cosa.

  1. Google non vende i vostri dati. Non esattamente...
  2. Cosa fa Google con i dati?
  3. Conclusioni
  4. Perché mi interessa?
Logo of the Government of the United KingdomThe UK Government chose Simple AnalyticsJoin them

Google non vende i vostri dati. Non esattamente...

Nel linguaggio comune, vendere significa dare via qualcosa in cambio di qualcos'altro di valore. Questo è abbastanza vicino alla maggior parte delle definizioni legali di vendita. In questo senso, è abbastanza vero che Google non vende i vostri dati. Google non è un intermediario di dati: un'azienda non può pagare Google per acquistare e-mail o indirizzi IP. Ma quando si parla di privacy, non vendere i vostri dati non è sufficiente.

Google monetizza i dati personali in altri modi, alcuni dei quali comportano la divulgazione di dati personali a terzi. Uno di questi modi è il sistema di offerte in tempo reale (RTB) che alimenta Google Adsense.

I protocolli RTB sono complicati, e in questa sede posso solo scalfire la superficie. Se siete interessati, Brave ha un video dettagliato che spiega come funziona l'RTB.

In poche parole, un sito web mette a disposizione degli inserzionisti spazi pubblicitari attraverso l'intermediazione di Google Adsense. Diversi inserzionisti fanno offerte per gli stessi spazi pubblicitari ogni volta che un visitatore carica una pagina in un'asta automatizzata in tempo reale. L'asta in tempo reale comporta la divulgazione di dati personali agli inserzionisti, che possono così ottimizzare i loro annunci.

Per esempio, supponiamo che Google scopra che vi piacciono le chitarre - attraverso Google Analytics, i dati di Google Maps, le vostre ricerche su Google, ecc. Quando visitate un sito web che utilizza Google Adsense, inizia un'offerta in tempo reale per gli spazi pubblicitari e Google comunica agli inserzionisti che vi piacciono le chitarre. Questo permette agli inserzionisti di capire quanto vale per loro uno spazio pubblicitario e di decidere che tipo di annuncio proporre (a questo visitatore piacciono le chitarre, quindi mostriamogliele invece di pianoforti o batterie).

Tutto ciò sembra abbastanza innocuo, ma non lo è affatto. La profilazione si basa sulla raccolta di migliaia di dati sull'utente, tra cui le ricerche effettuate sul web, i siti visitati e i dati relativi alla posizione. Questo permette di fare previsioni accurate sulla vostra personalità, sul vostro comportamento e molto altro ancora. Forse non vedrete annunci di farmaci o giocattoli sessuali, ma questo non significa che Google non possa fare un'ipotesi sulle vostre condizioni mediche o inclinazioni sessuali sulla base dei dati in suo possesso.

Se navigate su Internet, è probabile che i vostri dati personali vengano messi all'asta decine, se non centinaia, di volte al giorno. I vostri dati vengono divulgati a tutti gli inserzionisti che partecipano a ciascuna asta, non solo al vincitore. In effetti, alcuni broker di dati partecipano alle aste solo per raccogliere il maggior numero di dati possibile. In questo modo possono tracciare un profilo dell'utente e vendere le informazioni al miglior offerente, perché Google non ha alcun controllo su ciò che accade ai suoi dati dopo la loro divulgazione.

Questo accade ai dati di milioni di persone ogni giorno, come spiegato in questo documento del Consiglio irlandese per le libertà civili.

Ma non si tratta di una vendita, perché nessuno paga per i dati. Gli inserzionisti acquistano spazi pubblicitari e Google riceve la sua parte. I dati personali vengono divulgati nel processo, ma non sono la merce in vendita.

In un certo senso, Google può affermare con certezza di non vendere i vostri dati. Ma dal punto di vista della privacy, non importa se l'RTB è una vendita o meno.

Per essere chiari: Google non è l'unica azienda a fare questo. I protocolli RTB sono standard per tutti i principali attori del mercato pubblicitario sul web. Ma Google è l'attore dominante in questo mercato, quindi detiene una grossa fetta di responsabilità. Insistendo sulla nozione di vendita nelle sue dichiarazioni poco sincere, l'azienda sta intenzionalmente distogliendo l'attenzione del pubblico dal modo irresponsabile in cui fa un sacco di soldi divulgando enormi quantità di dati personali.

Cosa fa Google con i dati?

Google si qualifica come responsabile del trattamento dei dati per Google Ads e per altri servizi. Ai sensi del GDPR, l'azienda non si limita a trattare i dati personali per fornire il servizio al cliente (cioè il sito che utilizza Google Ads). Google può utilizzare i dati per i propri scopi, tra cui l'alimentazione dei propri servizi pubblicitari, lo sviluppo di nuovi prodotti e l'addestramento di modelli di intelligenza artificiale.

Fortunatamente, Google non è sempre un responsabile del trattamento dei dati. Ad esempio, Google è un elaboratore di dati per i clienti dell'UE che interagiscono con Google Analytics, quindi utilizza i dati dei visitatori in modo più limitato.

Naturalmente, è possibile rifiutare i cookie di Google Analytics. Ma Google può comunque tracciarvi anche senza di essi. Pensate a tutti i dati personali che Google raccoglie dalle ricerche su Google, da Google Maps, da Youtube, dalle API di Google e dagli ID pubblicitari dei dispositivi Android.

In definitiva, l'informativa sulla privacy di Google e le pratiche di raccolta dei dati per un servizio specifico non hanno molta importanza. L'insieme dei servizi di Google fornisce all'azienda enormi quantità di dati, la maggior parte dei quali viene utilizzata per la pubblicità online.

Conclusioni

I problemi di privacy con i prodotti di Google non finiscono qui, anzi. I dispositivi Android tracciano gli utenti per impostazione predefinita con ID pubblicitari (il che è invasivo e probabilmente illegale ai sensi del GDPR). Android traccia anche tutte le chiamate e i messaggi senza fornire alcuna informazione sul tracciamento, senza chiedere il consenso o senza offrire la possibilità di rinunciare. E di recente abbiamo spiegato come l'azienda abbia modificato l'url di Google Maps per estendere l'autorizzazione alla localizzazione all'intero dominio https://www.google.com sui propri browser.

Google è costantemente alla ricerca di modi per raccogliere quanti più dati possibile e trasformarli in denaro.

Quindi Google vende i vostri dati? Lascio la questione aperta all'interpretazione.

Perché mi interessa?

Credo in un web indipendente che sia amichevole per i visitatori dei siti web. Per questo motivo ho creato un'alternativa a Google Analytics rispettosa della privacy, che non raccoglie dati personali e non utilizza tracker o cookie. Se questo aspetto vi convince, non esitate a provarlo.

GA4 è complesso. Prova Simple Analytics

GA4 è come sedersi in cabina di un aereo senza licenza di pilota

Inizia prova di 14 giorni