Perché è arrivato il momento di abbandonare Google Analytics

Image of Iron Brands

Pubblicato il 5 lug 2022 e modificato il 15 ago 2023 da Iron Brands

C'è stato un tempo in cui Google era una startup eccentrica, fondata da due laureati di Stanford che operavano in un garage, lavorando giorno e notte per far decollare la loro azienda. All'inizio l'azienda si chiamava Backrub e aveva un prodotto che sbaragliava la concorrenza. Google è la storia perfetta di una startup che ha portato a costruire una delle aziende più influenti di tutti i tempi.

Oggi Google è una multinazionale. È un mostro divoratore di dati e l'incarnazione del mantra dell'era di Internet: "I dati sono il nuovo oro".

Trasforma letteralmente i dati in oro. Un sacco di oro.

Chiunque pensi a Google come a un motore di ricerca si sbaglia di grosso. Google è una macchina pubblicitaria. La migliore macchina pubblicitaria che l'umanità abbia mai visto. Nel corso degli anni, ha costruito alcuni grandi prodotti che hanno raggiunto lo status di monopolio nella loro categoria e li ha regalati gratuitamente. Non perché si preoccupano di voi, ma perché possono conoscervi meglio.

Google vuole sapere se siete uomini o donne, quanti anni avete, se siete gay o etero, cosa comprate online e dove vivete. Questi dati vengono poi riutilizzati per mostrarvi annunci pubblicitari. Google raccoglie ogni vostra mossa perché più sa, meglio può monetizzare.

Inoltre, siamo diventati così dipendenti da Google da trasformare Internet in un mondo di clickbait online in cui tutti vogliono ricevere risposte dall'onnipotente Google per essere classificati dal suo algoritmo.

Ma le crepe si stanno manifestando a causa di una tendenza significativa che sta prendendo piede: I consumatori chiedono privacy, il più grande incubo di Google.

E le loro richieste vengono ascoltate. Gli Stati membri dell'UE stanno mostrando i denti vietando Google Analytics finché Google non violerà più le leggi sulla privacy dell'UE.

Google Analytics è uno dei migliori strumenti gratuiti che Google abbia mai creato. Il 55% dei siti web esistenti utilizza uno strumento di analisi e l'85% di questi utilizza Google Analytics. È lo strumento di analisi predefinito per Internet, ma con i problemi di privacy in corso e il passaggio a GA4, mi sono posto questa domanda: Ho davvero bisogno di Google Analytics?

Ecco perché credo che la maggior parte di noi possa fare a meno di Google Analytics.

  1. Perché ora?
    1. Google sta abbandonando Universal Analytics a favore di GA4
    2. Problemi di privacy di Google Analytics
  2. Perché dovreste rimuovere Google Analytics
    1. Google Analytics è uno strumento di analisi troppo complesso
    2. I banner dei cookie ostacolano l'UX del vostro sito web
    3. Google Analytics influisce sulle prestazioni del vostro sito web
    4. I dati di Google Analytics sono imprecisi
    5. Google Analytics richiede una lunga informativa sulla privacy
    6. Smettere di raccogliere tutto per il gusto di raccogliere dati
    7. Fate capire agli utenti che avete a cuore la loro privacy
    8. Essere parte della soluzione, non del problema
  3. Perché ci interessa?
Logo of MichelinMichelin chose Simple AnalyticsJoin them

Stiamo coprendo un sacco di terreno, quindi tuffiamoci!

Perché ora?

Prima di immergerci nel perché, dovremmo chiederci: perché ora? Perché è il momento di rivalutare l'uso di Google Analytics per la vostra azienda? Per due motivi:

Google sta abbandonando Universal Analytics a favore di GA4

All'inizio di marzo di quest'anno, Google ha annunciato l'abbandono di Universal Analytics a favore di GA4. Questo è stato un duro colpo per gli operatori di mercato che si affidano a Universal Analytics da diversi anni. Di solito i nuovi prodotti vengono accolti con entusiasmo. Tuttavia, GA4 finora ha ricevuto solo critiche.

Con Universal Analytics, gli addetti al marketing potevano ottenere tassi di conversione, valore di vita del cliente e durata della sessione. Ma tutti questi dati scompariranno con GA4.

Secondo Google, il brusco cambiamento è stato determinato da "un contesto aziendale in evoluzione". Se si legge tra le righe, l'azienda riconosce che il modo attuale di tracciare i visitatori dei siti web su Internet non è sostenibile a lungo termine.

Inoltre, quando Universal Analytics verrà rimosso nel luglio del 2023, si disporrà di un solo anno di dati retrospettivi. Ciò indica ancora di più che Google comprende i problemi di privacy e rifiuta deliberatamente gli Universal Analytics come rischio per la privacy. Vuole sbarazzarsi del vecchio sistema e ripartire da zero.

Tuttavia, è discutibile quanto questa nuova lavagna sia effettivamente pulita. In un recente post sul blog, abbiamo analizzato se GA4 sia effettivamente più rispettoso della privacy rispetto al suo predecessore. Abbiamo concluso che non è così.

Problemi di privacy di Google Analytics

Il secondo motivo è che Google Analytics sta subendo accuse da parte degli Stati membri dell'UE per violazione delle leggi sulla privacy. Venerdì scorso, il Garante (Italia) è diventato il terzo ente di protezione dei dati dopo DSB (Austria) e CNIL (Francia) a vietare Google Analytics. Altri Stati membri dell'UE probabilmente seguiranno. Il GDPR mostra finalmente i suoi denti dopo che Schrems II ha invalidato lo scudo per la privacy nel luglio 2020.

In breve: il trasferimento di dati dall'UE agli Stati Uniti viola la legge GDPR. Questo perché le aziende statunitensi come Google si qualificano come "fornitore di servizi di comunicazione elettronica" che è obbligato a consegnare i propri dati ai servizi segreti statunitensi quando richiesto. Ciò significa che il governo statunitense ha accesso ai dati personali dei cittadini dell'UE.

Il GA4 non risolve questo problema. Anche se anonimizzasse gli indirizzi IP, sarebbero comunque considerati dati personali, data la capacità di Google di arricchire questi dati con altri per individuare un singolo visitatore di un sito web.

Sopra abbiamo spiegato il "perché". Nella seconda parte spiegheremo il "perché".

remove google analytics

Perché dovreste rimuovere Google Analytics

Google è lo strumento di analisi predefinito da quando esistono gli strumenti di analisi. Tutti, dal più piccolo sito web di un blogger alle aziende della Fortune 500, utilizzano Google Analytics. Sembra strano che un unico prodotto sia il più adatto per così tanti casi d'uso diversi. Ecco perché credo che non sia adatto a tutti.

Google Analytics è uno strumento di analisi troppo complesso

Google Analytics è uno strumento eccessivamente complesso che vi accoglie con molteplici dashboard difficili da navigare. Per soddisfare i suoi utenti più grandi e accaniti, Google ha creato un prodotto mostruoso che raccoglie il maggior numero di dati possibile per impostazione predefinita. Sebbene solo una manciata di utenti abbia effettivamente bisogno di questi dati analitici profondi (e ne hanno davvero bisogno?), il 95% potrebbe avere bisogno di molti meno approfondimenti.

Per molte organizzazioni, sapere da dove proviene il traffico, quali blog stanno andando bene e quante volte si verificano determinati eventi sul sito web sarebbe sufficiente. Oserei dire che è possibile gestire adeguatamente la propria attività tenendo traccia delle statistiche più elementari.

Non avete bisogno di report personalizzati per vedere cosa sta succedendo sul vostro sito web e adattarvi di conseguenza.

Google Analytics fornisce informazioni molto approfondite sul comportamento degli utenti. Lo fa raccogliendo enormi quantità di dati e installando meccanismi di tracciamento nel browser.

Al giorno d'oggi, i visitatori di un sito web devono dare il proprio consenso prima che tale meccanismo di tracciamento venga installato. Prima di interagire con il sito web, gli utenti devono interagire con un banner sui cookie. Spesso non si tratta di un semplice "sì" o "no", ma di un semplice "sì" e di un modo incredibilmente difficile di dire "no". La natura ingannevole dei banner sui cookie sarà probabilmente limitata per rendere più facile ai visitatori rifiutare i cookie.

Senza considerare la questione da un punto di vista etico, un cookie banner crea un'esperienza peggiore per l'utente.

I banner di cookie sono fastidiosi e impediscono ai visitatori di esplorare il vostro sito web. Ha lo stesso effetto di un sito web lento. Le persone sono infastidite o impazienti e abbandonano il sito.

Google Analytics influisce sulle prestazioni del vostro sito web

Per avere una panoramica delle analisi del vostro sito web, dovete installare uno script sulle pagine del vostro sito che registrano le visualizzazioni di pagina.

Gli script hanno dimensioni diverse e più sono grandi, maggiore è l'impatto sul tempo di caricamento della pagina. Gli script più grandi rallentano i siti web. Lo script di Google Analytics (45kb) è un "peso massimo" tra gli script di analisi web. In confronto, lo script di Simple Analytics è di soli (3kb).

Abbiamo eseguito un test delle prestazioni del sito web utilizzando Google Lighthouse. Abbiamo riscontrato una differenza di 10 punti base nelle prestazioni del sito web, a favore dei siti web che utilizzano Simple Analytics invece di Google Analytics.

Google Analytics performance impact

Un sito web a caricamento rapido presenta alcuni vantaggi che vale la pena sottolineare. Oltre a migliorare l'esperienza dell'utente e a ridurre la frequenza di rimbalzo, è anche positivo per la SEO. I dati vitali del web sono una delle metriche chiave che Google esamina per classificare le pagine nel suo motore di ricerca. Ciò significa che l'uso di Google Analytics potrebbe effettivamente abbassare le classifiche di ricerca e ridurre il numero di visitatori del sito web, perché lo rallenta.

Se a ciò si aggiunge la necessità di interagire con un banner di cookie prima che gli utenti possano navigare sul vostro sito web, la vostra perfetta esperienza d'uso è in pericolo.

I dati di Google Analytics sono imprecisi

Il fatto che i dati di Google Analytics siano imprecisi sembra un controsenso. È lo strumento di analisi più potente che raccoglie il maggior numero di dati possibile. Tuttavia, ci sono alcuni motivi che rendono Google Analytics impreciso.

Cookie bannerOgni visitatore interagisce con il cookie banner presente sul vostro sito web. Se il visitatore non dà il consenso a essere tracciato, non avete idea che sia stato sul vostro sito web. Il numero di visitatori che hanno visitato il vostro sito è superiore a quello indicato da Google Analytics. Questa discrepanza continuerà a crescere, poiché sempre più visitatori non vogliono essere tracciati.

AdblockerSempre più utenti di Internet utilizzano gli ad-blocker perché (sì, ci risiamo) gli utenti chiedono più privacy. Come suggerisce il nome, gli ad-blocker bloccano gli annunci. Tuttavia, bloccano anche gli script che installano meccanismi di tracciamento. La maggior parte degli ad-blocker blocca lo script di Google Analytics. I visitatori che hanno installato un ad-blocker non vengono visualizzati nelle statistiche.

Spam di riferimentoLo spam di riferimento è stato un grosso problema per Google Analytics. Lo spam di referral sembra traffico autentico verso il vostro sito web, ma in realtà è falso. Gli inserzionisti che fanno spam inviano visitatori falsi al vostro sito web in due modi:

  • Bot referral spam: Bot che visitano il vostro sito web e lo fanno registrare da Google Analytics.
  • Ghost referral spam: I bot aggirano completamente il vostro sito web e colpiscono direttamente il server di Google Analytics.

È un modo per attirare l'attenzione sul proprio sito web. L'URL di spam verrà mostrato nella dashboard di Google Analytics per incuriosire l'utente su cosa sia o cosa venda. Oltre al fatto che è molto fastidioso, questo metodo altera i dati.

Campionamento dei datiGoogle Analytics utilizza una tecnica chiamata campionamento dei dati per risparmiare la capacità del server e contenere i costi. Il campionamento dei dati significa che viene elaborato solo un sottoinsieme del traffico effettivo. Da questo sottoinsieme, Google Analytics prevede l'andamento del traffico totale. Si tratta di un metodo efficace dal punto di vista dei costi per stimare l'analisi di un sito web. Tuttavia, non è altrettanto preciso.

Google Analytics richiede una lunga informativa sulla privacy

Google specifica la necessità di un'informativa sulla privacy nei suoi termini di servizio. Inoltre, le norme sulla privacy sono anche un requisito legale. Google Analytics raccoglie i dati personali dei visitatori del vostro sito web e voi dovete rendere nota questa attività di elaborazione dei dati. L'informativa sulla privacy deve essere pubblicata per informare sull'uso di tracker e identificatori.

Smettere di raccogliere tutto per il gusto di raccogliere dati

Google Analytics è sempre stato il sistema predefinito per quasi tutti i siti web. Ci siamo abituati alla quantità di dati raccolti e la consideriamo una necessità.

"Raccogliere il maggior numero di punti dati possibile perché così siamo considerati un'organizzazione data-driven".

Questo è stato il mantra di molte organizzazioni per troppo tempo e deve cambiare. Dobbiamo ripensare a quali dati ci servono davvero per gestire la nostra attività.

Abbiamo davvero bisogno di report personalizzati e di 95 dashboard diversi? Dobbiamo cambiare mentalità, passando dalla raccolta del maggior numero possibile di dati alla raccolta dei soli dati necessari e rilevanti per i vostri KPI specifici.

Tuttavia, il problema è che ci siamo abituati alle capacità di Google Analytics e alle quantità di dati disponibili. Questo ha portato al fatto che le alternative più orientate alla privacy e di alto livello sembrano troppo semplicistiche o non sufficienti a svolgere il loro compito.

Ci sarà sempre un compromesso tra dati e privacy e le organizzazioni devono adottare questa nuova mentalità per essere all'avanguardia.

Fate capire agli utenti che avete a cuore la loro privacy

Vendere è una questione di fiducia. Il fatto che le persone acquistino qualcosa da voi significa che si fidano di voi. Ecco perché è sempre bene mostrare la persona o le persone che stanno dietro a un'azienda. Questo crea fiducia. Le persone continuano ad apprezzare l'acquisto da persone, non da organizzazioni senza volto.

L'attenzione alla privacy dei clienti crea fiducia. Il fatto che non vendiate i dati dei visitatori del vostro sito web a Google dimostra che ci tenete.

Volete dimostrare che vi preoccupate dei vostri clienti, perché solo così i vostri clienti inizieranno a preoccuparsi di voi e rimarranno clienti fedeli, che potrebbero persino parlare del vostro prodotto ai loro amici. Prendersi cura della privacy dei vostri utenti farà lo stesso.

Essere parte della soluzione, non del problema

Crediamo che non si tratti solo di rispettare la legge. Per noi va oltre. Crediamo che sia possibile prendere decisioni basate sui dati del sito web senza dover raccogliere dati personali o tracciare le persone. La privacy è un diritto umano che va preso sul serio.

Allontanandovi da Google, contribuite a creare un web più indipendente e più amichevole per gli utenti di Internet. Contribuite a ridistribuire il potere dalla più grande macchina pubblicitaria mai esistita.

Fate parte della soluzione, non del problema e abbandonate Google Analytics.

remove google analytics

Perché ci interessa?

I consumatori chiedono privacy. Gli utenti di Internet sono stati lasciati all'oscuro per gran parte dell'era di Internet, ma la situazione sta cambiando.

Sempre più visitatori di siti web rifiutano di essere tracciati. L'uso degli ad-blocker sta crescendo rapidamente e persino Google ha riconosciuto che il suo modo di raccogliere dati con Universal Analytics non è più sostenibile.

Vogliamo essere parte del cambiamento per il bene. Ecco perché abbiamo creato Simple Analytics. Per fornirvi le informazioni di cui avete bisogno, proteggendo la privacy dei vostri utenti e rispettando al 100% il GDPR. Non esitate a provarci.

GA4 è complesso. Prova Simple Analytics

GA4 è come sedersi in cabina di un aereo senza licenza di pilota

Inizia prova di 14 giorni