Quali sono gli identificatori di Google Analytics?

Image of Iron Brands

Pubblicato il 12 feb 2024 e modificato il 20 feb 2024 da Iron Brands

Siete confusi dagli identificatori di Google Analytics? Non siete gli unici!

Google Analytics 4 utilizza un'ampia gamma di identificatori personali che sembrano uguali ma funzionano in modo diverso e svolgono funzioni diverse. Si può creare un po' di confusione, quindi vediamo quali sono questi identificatori e a cosa servono.

  1. Quali sono gli identificatori di Google Analytics?
  2. A cosa servono gli identificatori?
    1. I cookie
    2. Identificatori di applicazione
    3. ID utente
    4. Identificatori pubblicitari
  3. Ci sono altri identificatori in Google Analytics?
  4. Gli identificatori sono dati personali/informazioni personali?
  5. È necessario il consenso per gli identificatori?
  6. Riflessioni finali
Logo of MichelinMichelin chose Simple AnalyticsJoin them

Quali sono gli identificatori di Google Analytics?

  • i cookiedi prima parte sono uno dei principali strumenti di tracciamento di Google Analytics 4. Ogni cookie contiene un identificatore unico chiamato _ga cookie
  • gliidentificatori di app-instance sono generati da alcune applicazioni quando vengono installate. Identificano un'installazione unica per l'app
  • gliidentificatori pubblicitari sono legati a un dispositivo specifico, in genere un telefono cellulare
  • GliID utente sono un identificatore personalizzato che aiuta il cliente di Google Analytics a tracciare gli utenti tra i vari dispositivi.
  • I cookieDoubleClick sono utilizzati da Google Analytics per capire se un determinato annuncio è stato visualizzato dall'utente.

A cosa servono gli identificatori?

Vediamo quali sono gli identificatori utilizzati da Google Analytics 4 e se sono dannosi per la privacy.

I cookie di prima parte sono il principale strumento di tracciamento di Google Analytics 4. Google Analytics può funzionare senza di essi, ma con prestazioni piuttosto scarse.

I cookie di prima parte di Google Analytics sono gli stessi per ogni sito web, il che significa che Google può effettivamente tracciare gli utenti in tutto il web, mentre i siti web non possono farlo. Dal punto di vista della privacy, i cookie di prima parte sono un passo avanti rispetto ai cookie di terze parti altamente invasivi che alimentavano Universal Analytics, ma non sono comunque ideali.

Identificatori di applicazione

Gli identificatori delle applicazioni provengono per lo più dagli SDK. Gli SDK sono pacchetti di codice a partire dai quali vengono costruite le app.

Gli identificatori di app-instance sono fondamentali per tracciare il traffico mobile attraverso Google Analytics per le app e Firebase. Svolgono inoltre un ruolo importante nel tracciamento cross-device.

Gli identificatori di app-instance sono un incubo per la privacy, poiché gli SDK sono spesso loschi e possono sfuggire al controllo dell'utente. Tuttavia, l'ambiente iOS è migliore di Android in questo senso, grazie ai controlli sul tracciamento.

ID utente

Gli User-ID sono identificatori personalizzati che gli utenti di Google Analytics possono collegare a un altro identificatore per tracciare gli utenti su più dispositivi. Ad esempio, gli User-ID possono essere collegati alle credenziali dell'utente per tracciare gli utenti di un'applicazione o di un sito web su diversi dispositivi.

Dal punto di vista della privacy, gli User-ID non sono di per sé problematici, ma incoraggiano tecniche di tracciamento invasive come il fingerprinting dei dispositivi e il tracciamento probabilistico.

Identificatori pubblicitari

Gli identificatori pubblicitari sono tracker integrati nei dispositivi. In pratica, i più importanti sono AAID e IDFA:

Gli identificatori pubblicitari sollevano problemi di privacy, in particolare AAID. I tracker AAID vengono impostati senza il consenso dell'utente e l'opzione per disattivare il tracciamento è sepolta in profondità nell'opzione privacy del dispositivo. Questo sistema di opt-out è una palese violazione del GDPR e della direttiva ePrivacy dell'UE e siamo piuttosto sorpresi che le autorità di regolamentazione non abbiano ancora preso provvedimenti nei confronti di AAID.

Apple è un po' più rispettosa della privacy in questo caso, perché IDFA richiede esplicitamente il consenso opt-in dal 2020.

Ci sono altri identificatori in Google Analytics?

Sì, ce ne sono. Ma quelli che abbiamo elencato sono gli identificatori principali e quelli con cui gli addetti al marketing lavorano di continuo.

Ad esempio, Google Analytics utilizza gli indirizzi IP, che sono anch'essi identificatori. Ma Google Analytics 4 utilizza gli IP solo per la comunicazione. A differenza di Universal Analytics, Google Analytics 4 non memorizza gli indirizzi IP né li utilizza per le analisi. In conclusione, gli addetti al marketing possono ignorarli.

Gli identificatori sono dati personali/informazioni personali?

Non c'è una risposta generale perché le diverse leggi hanno definizioni diverse di dati personali.

In base alla normativa europea, la situazione è piuttosto chiara: gli identificatori sono sempre dati personali. Questo è vero per definizione: qualsiasi dato che possa identificare o individuare un individuo soddisfa la definizione di dati personali del GDPR.

Nello specifico, gli identificatori di Google Analytics sono considerati dati pseudonimi, che sono un sottotipo di dati personali e NON vanno confusi con i dati anonimi. In quanto tipo di dati personali, i dati pseudonimi sono soggetti a tutte le regole e le protezioni del GDPR.

È necessario il consenso per gli identificatori?

Dipende dal quadro giuridico. Nell'UE è sicuramente necessario il consenso, ma non tutte le aziende sono attente alla conformità. Ad esempio, molti sviluppatori utilizzano i tracker nei loro SDK e molti siti web scrivono Google Analytics prima che gli utenti diano il loro consenso. Inoltre, Google sta violando la legge su larga scala non raccogliendo il consenso opt-in per AAID.

Riflessioni finali

A noi di Simple Analytics non piacciono affatto i cookie, siano essi di prima o di terza parte. Crediamo in un Web aperto e rispettoso della privacy degli utenti. Per questo motivo abbiamo sviluppato un servizio di analisi web che non raccoglie dati personali.

Simple Analytics è rispettoso della privacy, conforme alla normativa vigente e facile da configurare e imparare. I nuovi utenti si abituano in un batter d'occhio grazie al pratico assistente AI e all'interfaccia pulita e intuitiva.

Se vi sembra una buona idea, provateci!

GA4 è complesso. Prova Simple Analytics

GA4 è come sedersi in cabina di un aereo senza licenza di pilota

Inizia prova di 14 giorni