Tutto quello che c'è da sapere sulla privacy digitale

Image of Carlo Cilento

Pubblicato il 22 mar 2023 e modificato il 16 apr 2024 da Carlo Cilento

Questo articolo è stato tradotto automaticamente. Passa alla versione inglese per l'originale.

La privacy è difficile da definire. Teorici politici, filosofi e studiosi di diritto hanno scritto biblioteche sul significato di privacy. Ma in poche parole, la privacy si riferisce all'idea che ognuno ha diritto a una sfera di vita privata in cui si possa interferire senza permesso. In un certo senso, la privacy consiste nel dover bussare alla porta per entrare in casa d'altri.

La privacy digitale è la stessa idea applicata al dominio digitale. Avete diritto a una sfera privata, anche nella vostra vita digitale. I dati all'interno di questa sfera sono di vostra proprietà e ci sono dei limiti a ciò che gli altri possono fare con essi.

Ma far rispettare questi limiti è difficile. Avete il controllo della vostra casa perché avete le chiavi della porta. Il mondo digitale è diverso. Azioni come l'iscrizione a un social network, la ricerca su Google del ristorante giapponese più vicino o l'utilizzo di un'app per incontri lasciano i vostri dati nelle mani di altre persone e sotto il loro controllo. Far correggere o cancellare i propri dati potrebbe essere difficile o impossibile. Anzi, spesso è difficile persino capire chi è in possesso dei vostri dati e cosa ne fa. Avete una sfera privata su Internet, ma non ne possedete le chiavi.

guy-with-backpack.png

Ecco perché abbiamo bisogno di leggi sulla protezione dei dati. La legge compensa la mancanza di controllo sulla vostra sfera privata digitale. Limita ciò che i governi e altre entità possono fare con i vostri dati e vi permette di intraprendere azioni legali quando questi limiti vengono violati.

  1. Perché la privacy digitale è importante?
  2. Cosa sta succedendo alla privacy digitale?
  3. Nuove sfide per la privacy
  4. Come proteggere la privacy digitale
  5. La privacy è una questione politica
  6. Qual è la soluzione?
  7. Perché ci interessa?
Logo of the Government of the United KingdomThe UK Government chose Simple AnalyticsJoin them

Perché la privacy digitale è importante?

Viviamo in un mondo interconnesso. Internet ha permeato innumerevoli aspetti della nostra vita. Facciamo acquisti su Amazon, navighiamo in città sconosciute con Google Maps e ci teniamo in contatto con Whatsapp. Usiamo i social network per entrare in contatto con le persone, commentare l'adorabilità dei loro gatti e discutere con gli sconosciuti. Così facendo, generiamo enormi quantità di dati personali sui quali non abbiamo alcun controllo diretto.

Le aziende si sono presto rese conto che i dati erano (e sono tuttora) immensamente redditizi. Infatti, lo sviluppo del Web 2.0 è andato di pari passo con la crescente monetizzazione dei dati personali. La pubblicità mirata, la profilazione degli utenti su scala massiccia e la vendita dei dati a terzi e ai data broker sono tutti modi in cui le aziende possono trarre profitto dalla vostra vita digitale. I vostri dati sono una merce e le aziende fanno di tutto per averli.

Internet diventa ogni giorno più invasivo e per questo la privacy digitale è più importante che mai.

Cosa sta succedendo alla privacy digitale?

La privacy digitale si è mossa rapidamente negli ultimi anni. Il GDPR è entrato in vigore nel 2018, gettando solide basi per il quadro europeo di protezione dei dati. Gli Stati membri hanno poi adattato le loro legislazioni nazionali al regolamento e le autorità per la privacy europee e nazionali hanno pubblicato numerose linee guida, pareri e chiarimenti su come trattare i dati in conformità al GDPR. Tra il GDPR, le sue implementazioni nazionali e il corpo sempre crescente di linee guida delle autorità per la privacy, la privacy digitale è ora un campo densamente regolamentato in Europa.

Gli sviluppi non si limitano all'UE e al SEE. Dall'altra parte dell'oceano, il Congresso degli Stati Uniti sta lavorando alla prima legge federale sulla privacy (ADPPA). Nel frattempo, diversi Stati membri degli USA hanno adottato proprie leggi sulla privacy, tra cui la California, sede dei giganti tecnologici della Silicon Valley. Altre grandi economie hanno adottato leggi complete sulla privacy (o le stanno attualmente elaborando) per affrontare meglio i nuovi problemi di privacy. In parte, ciò è dovuto all'esempio dato dal GDPR.

I governi si stanno finalmente rendendo conto dell'importanza della privacy digitale e la legislazione sulla privacy sta fiorendo a livello globale. Ma la privacy digitale sta affrontando anche nuove sfide.

Nuove sfide per la privacy

Prendiamo ad esempio l'introduzione dell'IA e, più specificamente, della chatGPT. L'IA solleva problemi di privacy, responsabilità ed equità che riguardano tutti. L'IA può causare o rafforzare discriminazioni ingiuste quando viene impiegata da aziende o governi. Anche i chatbot disponibili pubblicamente possono essere jailbroken per rivelare dati personali o per comportarsi in modi indesiderati e dannosi. Non c'è da stupirsi che l'IA etica sia un tema caldo in questo momento.

Anche altre tecnologie sollevano questioni difficili. Chi controlla i dati in una blockchain? Il concetto di controllo dei dati ha senso in questo contesto? E che grado di controllo hanno gli utenti sui propri dati quando una blockchain rende impossibile rimuovere qualsiasi scambio di informazioni tra i nodi?

Non tutti i problemi di privacy derivano dal progresso tecnologico; anche le questioni politiche sono in gioco. Le agenzie di intelligence di tutto il mondo utilizzano la sorveglianza elettronica in modo sempre più aggressivo e la maggior parte dei governi non è molto propensa ad affrontare la questione. E, naturalmente, a livello politico, ci sono scelte difficili da fare tra la protezione della privacy e il perseguimento di altri obiettivi importanti, come la prevenzione del terrorismo e dei crimini gravi.

In conclusione, la privacy digitale è più urgente, complessa e appassionante che mai, e questo è un ottimo momento per approfondire il tema.

Come proteggere la privacy digitale

Se avete a cuore la vostra privacy digitale, potete cercare di ridurre al minimo la vostra impronta digitale. Passare a servizi che rispettano la privacy è un buon punto di partenza. Esistono numerose alternative gratuite e a pagamento ai servizi più diffusi, come quelli elencati qui.

I social network dovrebbero essere i primi ad essere eliminati. Non è possibile essere presenti su Facebook o TikTok e preservare la propria privacy. Anche se utilizzate un profilo falso, queste app raccoglieranno comunque molti dati sul vostro dispositivo e sul vostro comportamento.

I browser sono molto importanti quando si parla di privacy. Alcuni, come Firefox e Brave, sono dotati di solide opzioni integrate per bloccare i cookie e rendere più difficile il rilevamento delle impronte digitali. Tor si comporta molto bene contro il fingerprinting, anche se sacrifica alcune funzionalità in nome della privacy. Per ulteriori informazioni sulla privacy dei browser, potete consultare questo interessante articolo.

Attenzione a Chrome e a Chromium in generale. Google ha sviluppato Chrome e questo è tutto ciò che dovete sapere. Altri browser basati su Chromium sono migliori dal punto di vista della privacy grazie a solidi plug-in di blocco degli annunci. Tuttavia, Chromium passerà a Manifest v3 in futuro. Manifest v3 è un controverso manifesto per le estensioni che limiterà le capacità di tutte le estensioni sui browser Chromium, compresi gli ad-blocker. I browser basati su Chromium non sono quindi una buona scommessa a lungo termine (Brave fa eccezione perché le sue tecnologie di blocco degli annunci sono parte integrante del programma e non dipendono da plug-in).

Quando si tratta di ridurre al minimo l'impronta digitale, affidarsi a una VPN potrebbe essere allettante, ma non tutte le VPN sono così rispettose della privacy come dichiarano. La rete vede tutto il vostro traffico e non potete sapere per quanto tempo i dati vengono conservati e cosa ne fa il provider. Se volete fare il passo più lungo della gamba, probabilmente è meglio affidarsi a un Virtual Private Server.

La privacy è una questione politica

Ridurre al minimo la propria impronta digitale è un'ottima cosa, ma in fin dei conti non si può fare molto a livello individuale. Potete staccare la spina dai social media, limitarvi ai servizi che rispettano la privacy, usare un VPS e in generale cercare di ridurre al minimo la vostra impronta digitale. Ma prima o poi dovrete scrivere a qualcuno sul suo account Gmail o mandargli un messaggio su Whatsapp. Anche l'apertura di un conto bancario lascia tracce nell'ambiente digitale. E la vostra casa è su Google Maps, che vi piaccia o no. A meno che non vi dirigiate verso i boschi e abbracciate la vita di sopravvivenza, lascerete un'impronta digitale.

Qual è la soluzione?

Come consumatori, avete una certa influenza grazie al vostro potere d'acquisto. Potete scegliere di sostenere i servizi che rispettano la privacy e di evitare quelli che la invadono, quando possibile. Ma questo non è sufficiente. Lo sfruttamento dei dati fa guadagnare troppi soldi. E giganti come Meta e Google si trovano in una posizione dominante in cui la concorrenza è scarsa o nulla. La sola pressione del mercato non basterà a tenere in riga i più grandi.

In definitiva, la cosa migliore che si possa fare è essere consapevoli della privacy e diffondere la consapevolezza dei problemi di privacy. Il pubblico e i media sono più che mai consapevoli della privacy e, se la tendenza continua, le aziende che invadono la privacy hanno sempre più da perdere in termini di immagine pubblica.

I cittadini consapevoli della privacy conoscono meglio i propri diritti e sono più propensi a farli valere. È così che la maggior parte dei casi di privacy arriva all'attenzione dei tribunali e delle autorità, e più questo accade, meglio è.

Questo è anche il motivo per cui il lavoro dei gruppi di difesa ( come le ONG che si occupano di privacy nella rete europea dei diritti digitali ) è molto importante. Lavorano duramente per diffondere la consapevolezza e, se la vostra privacy digitale è stata violata, alcuni di loro potrebbero essere disposti a occuparsi del caso o a fornire consigli utili.

Infine, se voi o la vostra azienda trattate dati personali, potete limitare il trattamento dei dati allo stretto necessario: non raccogliete dati che non vi servono, non conservateli più a lungo del necessario e non rivelateli a terzi a meno che non abbiate un'ottima ragione per farlo e vi fidiate che gestiscano i dati in modo responsabile.

In altre parole, potete cercare di non far parte della macchina per l'acquisizione dei dati per quanto ragionevolmente possibile e adottare invece una mentalità di minimizzazione dei dati. Questo non cambierà il mondo e Internet da un giorno all'altro, ma aiuta. Può anche essere una valida decisione commerciale, come abbiamo spiegato in un altro blog.

Perché ci interessa?

Noi di Simple Analytics crediamo in un'Internet indipendente e favorevole ai visitatori dei siti web. Questo è il motivo per cui abbiamo creato Simple Analytics. Un'alternativa a Google Analytics che rispetta la privacy, senza le stronzate del tracciamento. Potete ancora vedere cosa succede sul vostro sito web senza cookie o raccolta di dati personali. Se tutto questo vi sembra interessante, provateci!

GA4 è complesso. Prova Simple Analytics

GA4 è come sedersi in cabina di un aereo senza licenza di pilota

Inizia prova di 14 giorni